lunedì 6 ottobre 2008

Fishing Software

programma: Angler's eLog

Lingua: Inglese

Piattaforama: Vista,XP (sp2)

Licenza: Freware

Autore: Blu Lake Tackle, std

File Size: 2264kb



Software ben fatto e curato, praticamente serve a creare un database per memorizzare le proprie battute di pesca, viaggi e catture.
Si possono inserire le relative immagini (foto), le l'attrezzatura usata con una particolare attenzione per le esche artificiali.
Include anche la possibilità di stampare i grafici in base al tipo di pesce, l'ubicazione, l'esca usata ed il tempo atmosferico.
Un modo sicuramente divertente per memorizzare tutte quelle variabili che hanno influenzato l'azioni di pesca e le catture effettuate.
Il programma è totalmente personalizzabile quindi adattabile a qualsiasi tipo di pesca ed è gratuito.


Totally free fish logging and tracking software. The goal of the program was to create an easy to use interface combined with a wide variety of features such as easy point and click logbook entry including photo upload, the ability to view entries sorted by up to three filters, and an integrated photo gallery. Also includes the option to print graphs based on fish, location, lures, and weather. This program adapts to you with customizable fish type, lure type, and location lists. Advanced editing capability give you complete control. You can even print blank logbook forms in single or multi-form format to record your data while fishing.









DOWNLOAD

Per i pescatori di mare vi consiglio la versione SALTWATER




lunedì 29 settembre 2008

BEACH MAN CLUB - XI Trofeo

XI TROFEO organizzato dal glorioso club di Pescara

Disputato il 27 settembre 2008
Località Casalbordino - Fossacesia

Gara a coppia con canna singola

















Il contest si è svolto a Casalbordino e Fossacesia, due spiagge morfologicamente diverse ma molto conosciute dai garisti di mezza italia in quanto territorio di gare di ogni tipo.


LA GARA

Condizioni meteo proibitive con vento da N/E sui 26 nodi, mare molto mosso e tempestato di alghe le quali hanno messo a dura prova le attrezzature e i pescatori,
purtroppo dato e condizioni c'era d'aspespettarsi un misero carniere e tutti sapevamo che bastava un gronco per fare la differenza alla "pesa".... ma bisognava prenderlo!!!!






LA CLASSIFICA

1° Gobbi - Varoli / All Sport Fish Falconara (AN) / 1 - 2
2° Temesta - Antonelli / Surfcasting Adriatico Maver / 1-3
3° Severini - Baldoni / SPS GoldenFish Tubertini (Mc) / 1-3
4° Gubbiotti Marchetti / FishEye / 2-2
5° Marotta - Giampieri / SS GoldenFish Tubertini (MC) / 2 - 2
6° Talamonti - Galletti / LNI Cupra Marittima / 1 - 4
7° Nerone - Giorgini / Costa Dei Trabocchi (Ch) / 1 - 4
8° Reni - Bianchella / ASD Surfcasting2005 (Mc) / 1 - 6

Preda più grande gronco 692 g Antonelli Agostino SurfcastingAdriaticoMaver

Maggior numero di prede 6 Martini Fabio
ASD Surfcasting 2005

(foto del carniere e dei vincitori)








Considerazioni Personali

Per quanto riguarda l'organizzazione mi devo complimentare il Beach Man il quale ha curato ogni dettaglio, non ci sono state irregolarità, i giudici erano all'altezza ed i premi elargiti erano più che considerevoli.
Quindi complimenti a tutti ed in particolare a Domenico D'Egidio, Domenico Rutolo e Luca Crisate


La BEACH MAN CLUB (tramite la voce di Luca Crisate) ringrazia tutti i partecipanti.



(Team Beach Man Club)




mercoledì 24 settembre 2008

La vera essenza del PESCATORE





















Salve colleghi pescatori ci tenevo molto a parlare di questo argomento in quanto secondo i miei i principi e quelli che almeno credo di ogni essere umano è RISPETTARE
L'AMBIENTE
,
sembra una cosa banale magari ridetta e ridetta ma chi di voi può dire veramente "io rispetto l'ambiente sempre" .... secondo me pochi.

Il pescatore meglio di chiunque altro deve farlo,
chi più di noi sta a contatto con la natura mare, fiume, laghi, sabbia, prati, boschi ecc... è allora!!!

NOI DOVREMMO ESSERE PRIMI ed invece aimè siamo gli ultimi, basta guardare un porto, una spiaggia (dopo una gara) un lago o un qualsiasi altro luogo dove l'uomo può accedere e vedrai di tutto, BOTTIGLIE, BUSTE, SCATOLE di VERMI (vuote e semi piene), STRACCI e altro ancora...
per questo c'è solo una parola VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA.

Ormai è tristemente noto nel mio paese Casalbordino (zona di gare di surfcasting) il giorno dopo una gara, bambini che finiscono al pronto soccorso con un amo infilzato al piede o alla mano....
tutto questo per colpa di pseudo-pescatori che oltre ad inquinare lasciano ami o altro materiale che può ferire seriamente altre persone.


Eppure basterebbe un sacchetto vuoto con dentro un di buona volontà, lo si riempie con i rifiuti prodotti durante l'azione di pesca e lo si butta al primo cassonetto che incontri.






Allora fatemi sfogare contro questi emeriti COGLIONI!!!!
Ai quali se avessi il potere gli taglierei le mani e gli infilerai le canne un
o a uno su per ...... (scusate lo sfogo!)




lunedì 5 maggio 2008

Sostieni il Catch and Release

Filosofia di pesca

Catch and Release
che cos'è:

In inglese letteralmente significa prendere e rilasciare, ossia traducendolo in modo più vicino a noi, cattura e poi rilascia il pescato.

Questo tipo di pratica, denominata anche NO KILL, è nata negli USA molti anni fa, ed è stata acquisita successivamente dagli inglesi.

Il principale scopo di tale comportamento è la salvaguardia della specie ittica insidiata, ed un perfetto impatto tra sport e natura, senza che un hobby personale diventi dannoso per l'ecosistema.




Molti PESCATORI non saranno certamente d'accordo con me ( e non me ne frega!!), ribattendo che la scarsità di pesce è dovuta all'inquinamento, alla mattanza con le reti da strascico, al bracconaggio, e non ai pesci trattenuti.


Effettivamente il pescato di un pescatore sportivo è relativamente poco anzi nullo nei confronti di chi pratica pesca di frodo ecc. ma se pensate che tante volte il pesce da noi pescato finisce in pattumiera oppure peggio ancora si riporta a casa pesci sottomisura talmente piccoli che non sfamerebbero nemmeno un neonato solo per il gusto di uccidere o di far vedere alla famiglia "gardate che ho preso"


Questo io lo chiamo puro e semplice KILLERAGGIO



Eppure vi sembra poco ma dati alla mano l'esperienza americana ed inglese ha dimostrato che tale comportamento aiuta la conservazione e l'incremento del patrimonio ittico.


Se proprio non ci si sente di praticare il NO KILL nel suo pieno significato del termine, si cerchi almeno di limitare il più possibile il numero dei pesci trattenuti.




per info come praticare questa disciplina:


GRUPPO SILURO/no kill








sabato 26 aprile 2008

MAGGIO la MATTANZA delle MORMORE

Arriva Maggio e i primi branchi di MORMORE (Lithognathus Mormyrus) fanno capolino sulle nostre coste e noi pescatori rispolveriamo le nostre canne lasciate in garage ricontrolliamo mulinelli e fili e via.... si passa al negozio di pesca ...gran quantità di esche (non si mai ci saranno i granchi) "FINALMENTE SI PARTE"
e come bambini che vanno al luna park noi partiamo per la nostra spiaggia.

ADESSO FERMI UN'ATTIMO E RAGIONIAMO!!!!!

pensate per un secondo che le mormore finissero ....
niente mormore niente pesca sull'adriatico, niente gare, niente canne da acquistare, niente esche da reperire....si hai capito!!!
Il nostro surfcasting (almeno quello dell'adriatico) si regge per il 90% sulla pesca della mormora ,
se noi prendiamo questi sparidi nel periodo riproduttivo ogni anno c'è ' saranno sempre di meno (come potete constatare voi stessi)

QUESTA è UNA SEMPLICE RIFLESSIONE CHE VI INVITO A FARE POTETE ANCHE NON ESSERE D'ACCORDO CON ME MA è UN DATO DI FATTO.

QUINDI SE VERAMENTE VOGLIAMO ANDARE A PESCA LIMITIAMOCI CON LE CATTURE,
GLI ESEMPLARI PICCOLI RIMETTIAMOLI IN ACQUA COSì ANCHE QUELLI CON LE UOVA

Solo così possiamo preservare questo grande pesce che senza il quale difficilmente si verrebbe a pesca.

domenica 20 aprile 2008

Pesca a Strappo

Definizione: Per “pesca a strappo” si intende l’esecuzione di manovre atte ad allamare il pesce inparti del corpo che non siano l’apparato boccale.

La pesca a strappo dal mio punto di vista è la pesca più stupida che si possa fare può essere giustificata solo se chi lo pratica è una persona indigente (non ha soldi per mangiare).

Ne ho viste di persone fare strage di cefali, riempire quei secchi e sfoggiarli come trofei.....
roba da non credere vantarsi su una pesca che di eccezzionale non ha niente forse la forza delle braccia.

Pensate alla sportività di questa tecnica, lanciare un ancoretta in mezzo al mucchio (andò cojo cojo) e poi ferrare e ritirare con un ciclo continuo fino allo sfinimento delle braccia, ma sapete quanti cefali muoiono perchè strisciati in un occhio all'addome ecc. ma questo che senso ha????

Ripeto questo è un mio modesto parere.



IMPARA A RISPETTARE IL MARE!

giovedì 17 aprile 2008

Oggi vado a pesca a........


Cari colleghi vi ho messo a disposizione questo post, in modo che possiate scrivere :
  • Il luogo dove andrete a pescare
  • Se volete incontrarvi con qualcuno
  • Organizzare raduni e battute di pesca
  • Descrivere come è andata, attrezzatura e tipo di pesca

Cerchiamo di creare una community in modo che ogni amico possa usufruire delle informazioni dell'altro, quindi nei messaggi mettiamo più dettagli possibili come ad esempio il tipo di fondale o zone accidentali, così facendo creeremo una database dei luoghi più pescosi del nostro bell'Abruzzo


Grazie

mercoledì 16 aprile 2008

PESCA PESCA....PESCATORE ........

video

Salve, penso che sia capitato a tutti, chi pescando a surf dalla riva si accorto dopo ore di pesca che davanti si trovava una BELLE RETE ad INGANNO celata da due bottigle di plastica al posto delle classiche bandierine di segnalazione... a me è capitato un sacco di volte, e come vedete nel video dopo una notte a galleggiante nemmeno una toccata un freddo della madonna mi vedo sta barchetta che inizia a ritirare la sua bella rete praticamente aveva circondato la parte est del Porto di Vasto dall'imboccatura del porto fino alla vicina zona franosa è vi giuro la cosa mi ha dato un fastidio enorme.
Non è giuste le leggi ci sono è chi le rispetta???
LA CAPITANERIA.... provate a chiamarla NON VERRA' MAI, gli uffici sono più comodi.
Questi sono pescatori da due soldi, inetti e spero inconsapevoli, così come quelli che pescano con maglie finissime o quelli che fanno lo "strascico" NON CAPISCONO CHE FACENDO COSì FANNO MALE A LORO STESSI E AI LORO FIGLI costretti un domani a trovarsi un posto in fabbrica perchè il pesce c'è nè sarà così poco (questo è un dato reale) .... e a noi pescatori sportivi come ultimo anello di una catena di " predatori" che ci resta???
Forse i laghetti a pagamento che bello......

lunedì 7 aprile 2008

Porto di Vasto chiuso ai pescatori sportivi

<== Porto di Vasto ( foto by blucox)
Ieri pomeriggio come faccio da 15 anni mi reco al porto di Vasto per pescare a cefali con la fissa, dopo circa un'ora mi viene vicino una guardia costiera dicendomi <> ho chiuso la mia 9 metri e sono andato via con molto stupore .... <> forse i militari fanno rispettare le regole ma per noi pescatori ormai trattati come appestati ( al contrario di quelli che calano le reti sotto costa), ci sarà per noi un angolo dove qualcuno " NON CI ROMPA I COGLIONI"